Glaucoma: prevenzione e diagnosi precoce per proteggere gli occhi

OGGI 12 MARZO LA GIORNATA MONDIALE

 

occhiArrestare il glaucoma, ovvero la degenerazione cronica e progressiva del nervo ottico che porta alla cecità e che ogni anno colpisce il 10% della popolazione sopra i 75 anni, si può e si deve: ad affermarlo è la Società oftalmologica italiana (Soi) in occasione della Giornata mondiale del glaucoma, che l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha indetto per il 12 marzo 2009. Il glaucoma – definito anche il “ladro silenzioso della vista” – è la seconda causa di cecità nel mondo, e se non curata porta inevitabilmente alla perdita della vista. In Italia sono circa 550 mila le persone colpite dalla malattia.

 

Asintomatico nelle prime fasi – “Il termine glaucoma – spiega Matteo Piovella, segretario della SOI – raggruppa un insieme eterogeneo di malattie progressive in cui la pressione intraoculare, spesso troppo alta, danneggia il nervo ottico e riduce il campo visivo”. Nelle prime fasi, il glaucoma è asintomatico, per cui “l’unico modo per intervenire con tempestività è effettuare visite di controllo periodiche dall’oculista a partire dai 40 anni”, continua Piovella.

 

I fattori di rischio – “È poi importante far sapere che il glaucoma può avere una familiarità, ossia è possibile  che i familiari di primo grado di soggetti malati abbiano una probabilità 10 volte maggiore di sviluppare la malattia”. Insieme alla familiarità, i principali fattori di rischio per questa malattia sono la miopia elevata e l’età.

 

Occhi al freddo: prendersi cura dello specchio dell`anima – Per prevenire diversi tipi di disturbi agli occhi, intanto, si può iniziare dal prendersene cura a partire dalla protezione dal freddo, principale responsabile, in questi giorni, complici il clima freddo e gli sbalzi di temperatura, di congiuntiviti, lacrimazioni e piccole emorragie. Quando le condizioni atmosferiche sono proibitive, infatti, a proteggere collo, testa e mani ci pensano sciarpe, cappelli e guanti, mentre gli occhi vengono lasciati da soli a combattere contro le intemperie. Ecco un elenco dei disturbi più frequenti.

 

Lacrimazione - L`occhio cerca di proteggersi del freddo producendo una maggior quantità di liquido lacrimale, che funziona da “pellicola protettiva”. L`eccessiva lacrimazione non è altro, quindi, che una difesa naturale nei confronti del freddo e del vento.

 

Congiuntivite - A differenza di ciò che comunemente si crede, non è il colpo d`aria a far insorgere alcune infezioni tra cui la congiuntivite. In realtà il vero responsabile è il freddo che, provocando l`infiammazione delle vie aeree superiori, può causare infiammazioni oculari congiuntivali.

 

Emorragia - Le basse temperature possono anche provocare, in alcuni casi, la rottura di un vaso congiuntivale reso fragile da varizioni termiche, dall’uso di alcuni farmaci o da improvvisi sforzi come tosse e starnuti. Anche le variazioni termiche improvvise determinano una rapida vasocostrizione che può arrivare a causare, in alcuni casi, delle lesioni delle pareti vascolari. Nei casi più seri può verificarsi la formazione di un ematoma che si riassorbe dopo diversi giorni.

 

fonte SALUTE24.it

About these ads

da gennaio 2011 ci trovi su HarDoctor News, il Blog

da gennaio 2011!

Il Meteo a Marsala!

Il Meteo

Bookmark & Share

Condividi con ...

Farmaci a prezzi imbattibili!

Farmacia On Line

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: