Parliamo di colon irritabile con …

Questa settimana tratteremo di COLON IRRITABILE con il dott. Elio Sciarrino, docente della Scuola di Specializzazione in Gastroenterologia dell’Università di Palermo, nostro Ospite in GALENOsalute.

 

La sindrome del “colon irritabile” interessa circa il 25% della popolazione italiana, con una prevalenza doppia nel sesso femminile. La fascia di età più colpita è quella fra i 30 ed i 45 anni, probabilmente la più esposta ai fattori che provocano la sindrome: stile di vita frenetico, stress, ansia, alimentazione scorretta e disordinata. Non si tratta di una vera e propria “malattia”, ma di un disturbo “funzionale”, cioè di un insieme di fastidi legati ad alterata motilità del colon, in assenza di alterazione anatomica: gonfiore addominale, meteorismo, dolore, irregolarità nelle evacuazioni, stitichezza alternata a diarrea (o una sola di queste). L’entità dei sintomi è variabile, da una recente indagine su 7000 pazienti affetti da “colon irritabile” condotta dall’AIGO (Associazione Italiana Gastroenterologi Ospedalieri) risulta che nel 72% dei casi i disturbi condizionano la qualità della vita.

Questi sintomi possono nascondere una patologia più seria, di tipo “organico” ? Certamente sì, in particolare nei giovani si può ipotizzare la presenza di una malattia infiammatoria cronica dell’intestino all’esordio. Una attenta raccolta della storia clinica può comunque in alcuni casi consentire al medico di porre la diagnosi: esistono dei criteri formulati da un gruppo di esperti, riuniti a Roma nel 1992, e successivamente nel 1999 e nel 2005 (da qui il nome Criteri di Roma III), che consentono nelle persone in giovane età, in assenza di fattori di rischio e di sanguinamento rettale, di porre diagnosi senza ricorrere ad altre indagini. Nei casi dubbi, o sopra i 45 anni, è consigliabile eseguire una colonscopia per escludere altre forme patologiche o la presenza di tumori del colon.

Una volta posta la diagnosi, cosa fare ? Le armi da utilizzare in prima battuta sono la modificazione dello stile di vita e delle abitudini alimentari. E inutile eliminare questo o quel particolare alimento, perché è l’assunzione di cibo in sé a scatenare la sintomatologia nel momento in cui l’intestino viene stimolato. E’ invece opportuno seguire una alimentazione equilibrata, con un discreto apporto di fibre (frutta, verdure), bere almeno un litro e mezzo di acqua al giorno, consumare i pasti seduti senza fretta, aumentare l’attività fisica quotidiana. Solo se questi provvedimenti non sono sufficienti occorre passare alla terapia farmacologica.

Per ciò che concerne altri aspetti, peculiarità ed informazioni Vi invito a contattarci ed approfondire con i nostri ospiti Specialisti.

Dott. Carlo Cottone, Manager GALENOsalute

Advertisements

da gennaio 2011 ci trovi su HarDoctor News, il Blog

da gennaio 2011!

Il Meteo a Marsala!

Il Meteo

Bookmark & Share

Condividi con ...

Farmaci a prezzi imbattibili!

Farmacia On Line

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: