16 mila coppie italiane all’estero grazie a legge 40

Oggi, grazie alla legge 40, almeno 15-16 mila coppie, con problemi di fertilità, si rivolgono all’estero con una spesa media di 8 mila euro per ciclo: sono ben il 54% delle coppie che emigrano per avere un bambino a farlo proprio nel periodo estivo. A registrare il ‘boom’ del turismo procreativo rispetto al calo del turismo estivo, e’ uno studio del ‘Centro Artes’ di Torino, attivo dal 1982 nella diagnosi e nel trattamento della sterilità.

Dallo studio emerge che, per bypassare i divieti imposti dalla legge 40/2004, il congelamento degli embrioni, la fecondazione di un numero non limitato di ovociti in coltura, la fecondazione eterologa e la diagnosi preimpianto, nel 2006 “il turismo procreativo e’ cresciuto del 200%“. E se prima dell’approvazione della legge 40, “le coppie ‘in fuga’ erano 1.066, nel 2006 sono quadruplicate a 4.173, ed il trend all’aumento e’ rimasto evidente – dice lo studio – anche nel 2007“.

Le coppie italiane insomma scappano all’estero: “e’ proprio in estate che i problemi di fertilità diventano più acuti – spiega Alessandro Di Gregorio, direttore del Centro – perchè si tratta dell’unico periodo dell’anno in cui possono allontanarsi dal lavoro senza problemi ed in molti casi rinunciando alle vacanze e pagando il loro viaggio a caro prezzo“. E della legge 40 si occuperà il primo luglio l’intergruppo parlamentare ‘Coscioni-Welby’ con giuristi, professori, tecnici e parlamentari.

Sono preoccupanti questi dati sul turismo procreativo“, precisa De Gregorio ma “sono l’inevitabile epilogo di una situazione degenerata alla base: la legge 40 blocca di fatto lo sviluppo della medicina e impedisce alle coppie che trovano difficoltà nel concepimento di sognare, di sperare ancora“. Ecco perchè emigrano all’estero, spendendo molti soldi e rischiando anche di finire in centri poco professionali. Ma dove vanno le coppie italiane a ‘curare’ la sterilità per avere il loro figlio? La meta preferita e’ la Spagna – rende noto lo studio – “dove e’ attivo un fiorente mercato di gameti a pagamento: le coppie italiane che vi si recano sono passate da 60 a 1.365“. Alto gradimento poi per la Svizzera, scelta dal 32% delle coppie italiane per la vicinanza e il mito intramontabile delle cliniche elvetiche. Chi si affida a metodiche ‘low cost’, opta sempre più spesso per i Paesi dell’Europa dell’Est: nella Repubblica Ceca l’affluenza degli italiani e’ aumentata da 22 a 500 coppie. Il 10% degli aspiranti genitori si dirige poi in Slovenia, soprattutto dalla vicina area di Trieste. Segue quindi la Grecia: a Salonicco le coppie italiane, assenti prima della legge 40, ora rappresentano il 12% del totale. Piace anche la Turchia che permette la diagnosi preimpianto: ad Istanbul le coppie italiane arrivano al 20% del totale. E si segnalano pure coppie italiane a Cipro. Non da meno l’Austria con un +20% di italiani; la Francia ed in particolare Nizza dove il numero di coppie italiane e’ fisso intorno al 5%; il Belgio, dove le coppie che si sono recate a Bruxelles sono passate da 204 prima della legge 40 a 775 dopo.

fonte AGI Salute – 30/06/2008

Advertisements

da gennaio 2011 ci trovi su HarDoctor News, il Blog

da gennaio 2011!

Il Meteo a Marsala!

Il Meteo

Bookmark & Share

Condividi con ...

Farmaci a prezzi imbattibili!

Farmacia On Line

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: