Attacchi di panico: ecco perché si fatica a respirare

Le parti del cervello che registrano paura e soffocamento sono le stesse: per questo motivo quando si ha un attacco di panico non si riesce più a respirare in maniera normale: a scoprirlo è uno studio condotto dai ricercatori della University of Michigan (Stati Uniti) e pubblicato sulla rivista Cell.

Lo studio suggerisce che la specie umana si è evoluta anche grazie al collegamento tra il soffocamento e la paura: “Gli organismi che devono, per sopravvivere, respirare ossigeno, sono costantemente sotto la minaccia di soffocamento, nel caso in cui l`aria iniziasse a mancare – spiega Stephen Marin, che ha partecipato alla ricerca -. Potremmo quindi sostenere che la minaccia di soffocamento ha avuto un`influenza primaria sulla strutturazione dei sistemi di difesa del cervello: a livello di evoluzione, infatti, il soffocamento è l`ultimo segnale di paura che segnala la morte imminente della preda a causa del predatore”. I ricercatori spiegano che i risultati di questo studio potrebbero portare a farmaci che prendono di mira l`area del cervello che causa il soffocamento per cercare una cura agli attacchi di panico.


Fonte SALUTE24.it


da gennaio 2011 ci trovi su HarDoctor News, il Blog

da gennaio 2011!

Il Meteo a Marsala!

Il Meteo

Bookmark & Share

Condividi con ...

Farmaci a prezzi imbattibili!

Farmacia On Line

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: