Sindrome premestruale

Oggi, con il termine di sindrome premestruale (PMS = Pre Mestrual Sindrome) si indica un insieme, piuttosto complesso ed eterogeneo, di alterazioni sia biologiche, sia psicologiche, estremamente variabili da un caso all’altro, ma sempre con una ben precisa localizzazione temporale rispetto al ciclo mestruale. La ricorrenza dei sintomi nella stessa fase del ciclo per almeno tre cicli consecutivi e la presenza, durante la fase follicolare (prima metà del ciclo), di un periodo libero da sintomi di almeno sette giorni, sono condizioni essenziali per poter porre la diagnosi di sindrome premestruale. È inoltre importante valutare la natura dei sintomi, la loro gravità, ed il tipo di sintomi di base, presenti già in fase follicolare, ai quali la sindrome premestruale si sovrappone. Circa l’80% delle donne potrà lamentare sintomi più o meno sgradevoli in prossimità del flusso mestruale. Approssimativamente, nel 10-40% delle donne, questi disturbi avranno una qualche ripercussione sulla loro attività lavorativa e sul loro stile di vita, mentre solo nel 5% delle donne in età riproduttiva si potrà configurare il quadro tipico della sindrome premestruale. Il ruolo più importante per porre diagnosi di PMS è svolto dalla gravità dei sintomi che si manifestano nella fase premestruale e dall’entità della loro remissione dopo il flusso mestruale.

I sintomi, che di solito compaiono da 7 a 10 giorni prima dell’inizio del flusso, sono estremamente variabili e difficili da valutare nella loro entità; vanno dalla depressione alla tensione mammaria, dalla cefalea al gonfiore addominale, dall’edema (gonfiore) delle estremità (gambe e meno frequentemente braccia) all’instabilità del comportamento. In alcune pazienti si aggravano progressivamente mentre in altre raggiungono punte di notevole intensità intervallate da periodi di benessere. La sindrome premestruale può avere ripercussioni a livello sociale e coniugale. Infatti, nei casi più gravi, possono riscontrarsi uno scarso rendimento nel lavoro fino all’assenteismo, alterazioni del desiderio sessuale, isolamento sociale. Eccezionalmente, le donne affette da questa sindrome si rendono responsabili di comportamenti psicotici (suicidio ecc.) o, addirittura, di atti criminali. Proprio per questa eventualità, la sindrome premestruale viene riconosciuta dalla legislazione di alcuni paesi (Inghilterra, Francia) come una condizione attenuante. La sindrome premestruale può manifestarsi in qualunque momento della vita riproduttiva della donna; più comunemente compare negli anni più tardivi, ed in quelle pazienti che riferiscono una storia di lunghi periodi di cicli mestruali naturali, cioè senza l’uso di contraccettivi orali. Per lo più non si manifesta in maniera acuta, ma i sintomi vanno incontro ad un progressivo peggioramento con il passare degli anni. Di solito la sindrome non scompare da sola ma modificando lo stile di vita od utilizzando una qualche forma di terapia. Non esistono dati sul comportamento della sindrome al momento del passaggio verso la menopausa, ma sembra che l’approssimarsi della fine delle mestruazioni possa influenzarla positivamente. Non ci sono prove che dimostrino che la sindrome premestruale inizi o si aggravi dopo una gravidanza, né che la sua frequenza aumenti dopo la legatura delle tube. Esistono poche informazioni circa l’influenza dell’ereditarietà sulla sindrome, anche se alcuni dati sembrerebbero provare l’esistenza di fattori genetici.

Cause | Nonostante siano state avanzate numerose ipotesi, non si conoscono con certezza i fattori coinvolti nell’origine dei vari disturbi legati alla sindrome premestruale. Tra le varie teorie proposte, hanno riscosso i maggiori consensi:

  1. Quella ormonale, consistente in un alterato rapporto estrogeni-progesterone a causa di un deficit di progesterone in fase luteinica (la seconda metà del ciclo);
  2. Quella di un alterato ricambio idro-salino (acqua-sali) determinato dall’eccesso o dal difetto di vari ormoni che hanno un’azione sul bilancio idroelettrolitico: estrogeni e progesterone, ormone antidiuretico (ADH o vasopressina), prolattina, aldosterone;
  3. Quella della disfunzione della tiroide, basata sulla constatazione che alcune donne con sindrome premestruale presentano segni evidenti o subclinici di ipotiroidismo e che in queste pazienti la somministrazione di ormoni tiroidei determina un miglioramento della sindrome premestruale;
  4. Quella della deficienza di vitamina B6, basata sui rapporti tra i livelli di questa vitamina ed alcune funzioni endocrine;
  5. Quella dell’ipoglicemia, basata sulle somiglianze esistenti tra il quadro classico della sindrome premestruale e quello della condizione ipoglicemica, e sulla dimostrazione che gli ormoni sessuali sono in grado di influenzare il metabolismo del glucosio;
  6. Quella di deficit di prostaglandine E1, che sono sostanza coinvolte nella percezione del dolore;
  7. Quella psicosomatica, che si basa su considerazioni di ordine psicologico, comportamentale e sociale, e sulla constatazione di un’associazione, anche se non frequente, della sindrome premestruale con vere e proprie patologie psichiatriche.  

E’ importante comunque tener presente che fino ad oggi non è stato possibile dimostrare differenze nei livelli circolanti dei vari ormoni (inclusi estrogeni, progesterone, testosterone, FSH, LH, prolattina) durante il ciclo mestruale tra le donne con sindrome premestruale e quelle senza; lo stesso dicasi per le sostanze coinvolte nella regolazione del metabolismo idroelettrico come l’aldosterone. Non sono state registrate differenze nemmeno rispetto all’aumento di peso. Più recentemente sono state avanzate teorie che si basano sul fatto dimostrato che gli ormoni sessuali prodotti dalle ovaie modulano la risposta allo stress. Perciò, si pensa che, nell’insorgenza della sindrome premestruale, durante la fase luteinica, si verifichi una riduzione delle concentrazioni degli oppiodi endogeni, cioè quegli ormoni del “benessere” che normalmente vengono prodotti dall’organismo (le endorfine per esempio, o la serotonina), e che questo provochi un aumento dello stress psicologico.

Cure | La dimostrazione che gli ormoni ovarici possono influenzare l’attività degli oppioidi endogeni rappresenta il legame tra modificazioni cicliche dell’attività ovarica e le diverse alterazioni dell’umore, del comportamento, dell’appetito e delle funzioni intestinali tipiche della sindrome premestruale, a loro volta più o meno direttamente modulate dagli oppioidi endogeni stessi. Le variazioni nelle concentrazioni degli oppioidi endogeni e la rapidità con cui scompaiono, possono spiegare, insieme con i diversi fattori ambientali, le differenze riscontrate nella gravità dei sintomi della sindrome premestruale da una paziente all’altra. Infine, la constatazione di una diminuzione dei suoi livelli nel sangue durante la fase luteinica e l’evidenza dei suoi rapporti con la depressione, ha portato taluni ad avanzare l’ipotesi che la sindrome premestruale possa essere dovuta ad una riduzione dei livelli di serotonina. Anche se l’utilizzo di farmaci con la stessa funzione della serotonina o di inibitori del suo riassorbimento ha dimostrato un qualche beneficio in donne affette da sindrome premestruale, il preciso meccanismo con il quale il deficit di serotonina può contribuire alla sua comparsa rimane del tutto ignoto.

In conclusione, qualunque sia la sua causa, è evidente la necessità di legare i sintomi della sindrome premestruale alle fluttuazioni ormonali del ciclo mestruale. Infatti :

  1. La sindrome premestruale non compare prima dell’attivazione della pubertà, quando ancora non avviene la produzione di ormoni da parte delle ovaie;
  2. I sintomi a metà ciclo sono strettamente legati a picchi ormonali;
  3. La PMS scompare sia durante brevi periodo anovulatori (senza ovulazione), sia durante intervalli più lunghi di amenorrea (mancanza di mestruazioni), sia durante la gravidanza;
  4. La sindrome premestruale non scompare dopo l’isterectomia (asportazione dell’utero) se le ovaie vengono conservate;
  5. Le terapie mediche e chirurgiche che sopprimono la funzione ovarica eliminano la sindrome premestruale.  

Del tutto recentemente è stata avanzata una nuova ipotesi secondo la quale le donne affette da sindrome premestruale differiscono dalle altre nel metabolismo del progesterone. Più precisamente, presentano più bassi livelli sanguigni di allopregnenolone nella fase luteinica del ciclo. Le cellule nervose delle donne con PMS trasformano preferenzialmente il progesterone prodotto dal corpo luteo in pregnenolone, un ormone che aumenta l’ansietà, piuttosto che in allopregnenolone, che invece è dotato di effetto calmante. Se questa ipotesi è esatta, è logico immaginare che la somministrazione di progesterone alle donne con sindrome premestruale può aggravare la loro sintomatologia, in quanto fornisce maggiori quantità di substrato da metabolizzare a pregnenolone. Non è possibile, oggi, sapere con certezza perché alcune pazienti sviluppino la sindrome premestruale ed altre no, ma sicuramente sono molto importanti i fattori legati all’ereditarietà ed allo stile di vita capaci di influenzare il sistema neuroendocrino (nervoso ed endocrino). È probabile anche che la PMS non sia un singolo disordine ma piuttosto un insieme di diversi problemi.

Terapia | I trattamenti proposti, data la varietà delle teorie, sono assai numerosi e tra loro diversi. Il progesterone ed i progestinici, la vitamina B6, i diuretici, sono stati in passato tra i farmaci più frequentemente utilizzati. Nei casi in cui la donna non desidera figli e non esistano controindicazioni, viene anche utilizzata, talora con successo, la pillola contraccettiva, in particolare quella ad alti dosaggi di progesterone, contenuto soprattutto nelle pillole trifasiche. È comunque opportuno ricordare che la pillola può anche provocare un peggioramento dei sintomi. Nelle pazienti con mastodinia (dolore al seno) accentuata si hanno vantaggi somministrando 1 milligrammo di carbegolina (dostinex) alla settimana per ridurre i livelli di prolattina (responsabile del dolore e della tensione mammaria) oppure 2,5-5 milligrammi di bromocriptina (anch’essa inibisce i livelli di prolattina), controllandone la tolleranza, oppure una terapia topica con gel al progesterone. Se prevalgono l’edema, il senso di gonfiore e la ritenzione idrica si può utilizzare lo spironolattone (un antiandrogeno diuretico che riduce i livelli del testosterone) che ha il vantaggio, rispetto ad altri diuretici, di evitare eccessive perdite di potassio. La somministrazione di inibitori delle prostaglandine (i comuni farmaci antinfiammatori) può alleviare i dolori pelvici, la cefalea e la diarrea. Del tutto recentemente, con l’affermarsi della teoria secondo la quale la sindrome premestruale è dovuta ad un’alterazione delle normali modificazioni cicliche delle attività degli oppioidi endogeni durante la fase luteinica, sono stati proposti nuovi trattamenti, in particolare costituiti da ormoni che abbiano un effetto sopprimente sulla funzione dell’ovaio. In ogni caso, occorre valutare attentamente il rischio ed il beneficio che ogni trattamento farmacologico può comportare ed occorre tenere presente che in molte di queste pazienti si ha una cattiva tolleranza di quasi tutte le terapie, per cui la cosa migliore è quella di cercare di eliminare i meccanismi psicologici che favoriscono o complicano la sindrome. Talora è anche utile ottimizzare l’alimentazione della paziente eliminando la caffeina, diminuendo l’assunzione di cloruro di sodio (sale) nella settimana che precede la mestruazione, ricorrendo a piccoli pasti più volte al giorno supplementati con vitamine, calcio e minerali, in particolare modo il magnesio, che sembrerebbe avere un’azione blandamente antidepressiva, limitandosi, dal punto di vista farmacologico, e solo per sintomatologie gravi, a somministrare piccole dosi di tranquillanti od antidepressivi (Prozac, Xanax), oppure diuretici che provochino una scarsa perdita di potassio. Infine, per le pazienti che lamentano sintomi molto gravi e che non rispondono a nessun tipo di trattamento medico, c’è chi propone la rimozione chirurgica delle ovaie in laparoscopia, sempre che la paziente non desideri più figli. Tra i trattamenti non farmacologici, appropriati per le forme lievi di sindrome premestruale, si possono ricordare: l’assunzione di bevande ricche di carboidrati (zuccherate) nella fase luteale tardiva del ciclo, l’esercizio fisico, terapie comportamentali, training autogeno, biofeed-back ecc. I medici omeopati consigliano anche l’assunzione di un preparato a base di Agnocasto nella settimana che precede il ciclo mestruale.

Fonte MYPERSONALTRAINER

 

Advertisements

da gennaio 2011 ci trovi su HarDoctor News, il Blog

da gennaio 2011!

Il Meteo a Marsala!

Il Meteo

Bookmark & Share

Condividi con ...

Farmaci a prezzi imbattibili!

Farmacia On Line

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: