Allergia ai gatti, cosa fare?

Il disturbo che colpisce una persona su cinque può essere controllato.

I sintomi sono noti a tutti. Una serie infinita di starnuti, prurito agli occhi e problemi a respirare colpiscono circa il 20 per cento della popolazione che si scopre allergica ai gatti. Tuttavia, si può ovviare al problema senza rinunciare alla compagnia dei felini più amati dall’uomo. Uno dei massimi esperti mondiali, Robert Wood del Johns Hopkins Children’s Center di Baltimora, negli Stati Uniti, è convinto che con il ricorso a piccoli accorgimenti si può vivere in maniera serena la convivenza fra uomo e gatto, assodato il fatto che pochi rinunciano alla compagnia di quest’ultimo, nonostante i disagi: “la maggior parte delle persone che amano i gatti preferiscono soffrire o fare uso di medicinali, piuttosto che rinunciare al loro animale domestico”, dichiara il medico. L’allergia è determinata da un’intolleranza a una proteina presente all’interno della saliva dell’animale, che si deposita sul pelo per l’abitudine che hanno i gatti di leccarsi. Tuttavia, la proteina è troppo leggera per rimanere sul pelo e comincia a fluttuare nell’atmosfera, depositandosi di volta in volta su tappeti, divani e tessuti. La prima cosa da fare è senz’altro una pulizia regolare del proprio gatto con uno straccio umido, oltre che spazzolarlo almeno una volta alla settimana e lavare di frequente i cuscini e le copertine su cui dorme. Si possono poi utilizzare degli spray da vaporizzare sul pelo del gatto per contenere la presenza degli allergeni. È possibile, com’è ovvio, anche l’utilizzo di antistaminici specifici, ma una volta messi in atto questi accorgimenti, la maggior parte dei sintomi dovrebbero ridursi in maniera significativa e si potrà vivere con più tranquillità il rapporto con il proprio animale.


da gennaio 2011 ci trovi su HarDoctor News, il Blog

da gennaio 2011!

Il Meteo a Marsala!

Il Meteo

Bookmark & Share

Condividi con ...

Farmaci a prezzi imbattibili!

Farmacia On Line

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: