Posts Tagged 'dieta mediterranea'

Cattive abitudini alimentari

Ritmi serrati, pasti saltati e un boccone in fretta e furia. È la vita dell’italiano medio, costretto a mangiare male e poco a causa dei ritmi lavorativi e della scarsa voglia di cucinare. Che la dieta mediterranea fosse rimasta una buona pratica di pochi è un fatto noto, ma c’è una regione italiana che più delle altre sta abbandonando le buone abitudini alimentari, con effetti gravi per la salute della sua popolazione. Stiamo parlando della Lombardia, la regione – secondo una recente indagine condotta dall’Associazione italiana Dietetica e Nutrizione Clinica (ADI), in collaborazione con l’Osservatorio Nutrizionale Grana Padano su 1.377 adulti lombardi – in cui si mangia peggio: addio a verdure e frutta per far spazio a merendine, patatine e biscotti. Il pesce quasi scompare dalle tavole e al suo posto dilagano cibi da mangiare al volo, spesso precotti o surgelati. Il risultato? Aumento dei casi di tumore e riduzione della qualità della salute dei cittadini. In Lombardia quasi il 31% della popolazione ogni 10.000 abitanti muore per un tumore (la media nazionale è del 28%), tra le cui cause rientrano anche le cattive abitudini alimentari. Basti pensare che gli esperti raccomandano di consumare almeno cinque porzioni di frutta e verdura al giorno, accompagnati da pesce e legumi con un corretto e sano apporto di carboidrati. Gli alcolici e le bevande gasate dovrebbero essere ridotte, insomma la salute parte dalla tavola e dalla nostra celebre dieta mediterranea.

Annunci

Sindrome metabolica: sono quattro milioni gli italiani a rischio

IN PIAZZA (tranne a Marsala!) PER LA PREVENZIONE IL 25 E 26 APRILE

manifestazione-25-26-aprile-2009La dieta mediterranea non può tutto: oltre la metà della popolazione italiana è in sovrappeso, e oltre 4 milioni di italiani risultano obesi. Un italiano su 3, poi, soffre di ipertensione arteriosa e 1 su 5 di ipercolesterolemia, e intanto raddoppiano i casi di diabete di tipo 2, quello insulino-resistente tipico dell`età adulta. Anche la salutare dieta mediterranea nulla può, spiegano gli esperti, davanti a 8-10 ore di completa sedentarietà in ufficio. L`unica arma per combattere obesità, diabete, colesterolo e ipertensione, affermano gli esperti, è la prevenzione. Ed è per prevenire queste patologie che nasce la seconda edizione di “Rimisuriamoci. Togli centimetri, aggiungi salute“, la campagna indetta dalla Croce Rossa e dalle farmacie del network Valore Salute per prevenire la sindrome metabolica, una patologia molto diffusa che ha come punto di partenza proprio l`obesità e il sovrappeso.

Il 25 e 26 aprile, in circa 350 piazze italiane, saranno istallate tende da campo della Croce Rossa Italiana dove, dalle 9 del mattino in poi, grazie alla presenza dei volontari della CRI e dei medici della SIMG (Società Italiana di Medicina Generale), si potrà fruire dei seguenti servizi gratuiti:

– a digiuno, misurazioni di peso corporeo, statura e girovita; calcolo dell`Indice di Massa Corporea (IMC); misurazione di pressione arteriosa, glicemia, colesterolemia e trigliceridemia;

consulto medico, nel corso del quale saranno messi in rilievo i fattori di rischio emersi dallo screening effettuato. Si procederà poi alla compilazione della scheda di riepilogo di tutti i dati rilevati, sui quali le persone interessate potranno riflettere per modificare, sotto la guida del proprio medico, i comportamenti erronei che espongono agli effetti della sindrome metabolica (obesità, diabete, colesterolo, ipertensione);

– distribuzione gratuita del libro “Cibo & Salute”, curato da Giuliano Da Villa, consigliere del Commissario CRI e curatore della Campagna, che fornisce una guida pratica per la scelta dei cibi – non solo dal punto di vista energetico, ma anche dei nutrienti (proteine, carboidrati, grassi, vitamine e minerali), indispensabili per la salute – e per lo svolgimento dell`attività fisica giornaliera, elemento fondamentale per il buon mantenimento del nostro corpo, ma anche della mente e dell`umore.

Per conoscere l`elenco delle piazze in cui sarà possibile partecipare alla campagna di prevenzione, visitare la pagina 415 del Televideo o andare sul sito www.cri.it o su http://www.valoresalute.it.

La campagna continuerà anche al termine delle due giornate: il primo sabato di ogni mese, fino al 31 dicembre 2009, sarà possibile recarsi, a digiuno, in una delle farmacie che espongono il marchio Valore Salute per proseguire l`iniziativa di screening e “rimisurare” – sempre gratuitamente – le persone già testate il 25 ed il 26 aprile o quelle che non hanno avuto l`opportunità di farsi controllare.

Noci e dieta mediterranea per la salute del cuore e delle arterie

Si avvicinano le festività natalizie e già sono disponibili nei supermercati le noci e le noccioline, tipici frutti secchi di stagione. Questi alimenti, spesso eliminati dai regimi dietetici ipocalorici perché troppo grassi, hanno in realtà molteplici proprietà benefiche. Uno studio spagnolo dell’Università di Rovira i Virgili in Reus, pubblicato sulla rivista “Archives of Internal Medicine Journal“, ha dimostrato che consumare noci e noccioline, in associazione a una dieta mediterranea integrata dall’uso dell’olio d’oliva, può migliorare significativamente la salute del cuore e delle arterie e curare efficacemente la sindrome metabolica. Chi dovesse soffrire, infatti, di colesterolo alto, ipertensione e obesità può trarre vantaggio da un consumo moderato ma regolare di questa frutta secca, associandola alla salutare dieta nostrana. Noci e noccioline riescono a “pulire” la parete interna dei vasi sanguigni perché sono ricche di sostanze salutari: contengono, infatti, i benefici acidi grassi Omega-3 e l’amminoacido arginino, che stimola a sua volta l’ossido nitrico e preserva flessibilità ed elasticità dei vasi sanguigni. Questa frutta a guscio ha anche effetti antiossidativi e antinfiammatori e perciò viene consigliata dagli stessi nutrizionisti, in dosi moderate, al termine di pasti particolarmente grassi e abbondanti, come ad esempio il cenone della Vigilia di Natale. Gli scienziati iberici, guidati dal dott. Jordi Salas-Salvado, hanno monitorato 1200 volontari affetti da sindrome metabolica, dividendoli in tre gruppi: al primo è stato consigliato un regime dietetico genericamente privo di grassi, al secondo è stata prescritta una dieta mediterranea arricchita da un cospicuo uso dell’olio d’oliva, noto per le sue capacità di proteggere le arterie, al terzo gruppo, infine, è stata raccomandata la dieta mediterranea integrata con l’olio di oliva e il consumo giornaliero di circa 30 grammi di noci e noccioline. Trascorso un anno dall’inizio dello studio scientifico, i ricercatori hanno potuto verificare che i pazienti affetti da sindrome metabolica appartenenti al primo gruppo erano migliorati nel 2% dei casi, quelli del secondo gruppo nel 6,7% dei casi e quelli del terzo gruppo in ben il 13,7% dei casi. Anche se nessuno dei volontari aveva perso peso, i consumatori di frutta secca avevano diminuito la circonferenza del loro giro vita e anche questo è un dato significativo, visti i rischi cardiovascolari che corre chi ha la pancetta e le maniglie dell’amore. Le noci, semi oleosi benefici, sono da tempo consigliate dagli esperti come “antidoto” ai danni provocati a cuore, vene e arterie per le reazioni ossidative che si scatenano nell’organismo in seguito al circolo eccessivo di grassi nei vasi sanguigni. Un dose moderata di frutta secca può, dunque, solo fare bene, ma è necessaria associare questi cibi a un corretto regime alimentare e a uno stile di vita attivo per poter tutelare al meglio la propria salute e godere di un benessere che preservi dai rischi cardiovascolari.

CHIAMA il 0923 714 660 e parla con i nostri Nutrizionisti!

Sesso: meno grassi e niente «bionde» per non fare cilecca

La ricetta per essere sempre “all’altezza”, anche nell`intimità? Basta osservare la dieta mediterranea, ossia l’alimentazione del “perfetto amante”. Ma attenzione al fumo, che, al contrario, rende gli spermatozoi “fiacchi”. Lo confermano gli andrologi riuniti a Roma per l’ottavo Congresso nazionale della Società Italiana di andrologia e medicina della sessualità (Siams): per migliorare la qualità dell’attività sessuale occhio alla tavola.

La fama degli “amanti latini” ha quindi basi alimentari. “Uno stile di vita alimentare sano come quello mediterraneo – spiega Andre Lenzi, presidente della Siams – consente all’uomo di tenere sotto controllo i livelli ormonali, fra cui il testosterone, necessari per una buona prestazione amorosa“. Gli ingredienti ideali per performance di successo sono i cibi che stanno alla base della nostra dieta: pasta, frutta, verdura, olio extravergine d’oliva, pesce, poca carne e pochi grassi animali.

Un regime alimentare equilibrato, quindi, “in grado di assicurare un buon rapporto fra massa grassa e massa magra, e di tenere sotto controllo il livello di colesterolo nel sangue”, può essere in grado, prosegue Lenzi, di prevenire i danni al sistema cardiocircolatorio, fra i quali “i problemi al microcircolo dell’apparato genitale maschile che possono ridurre la capacità erettile”.

Chi rischia di fare cilecca sotto le lenzuola sono invece i fumatori. Gli andrologi lanciano l’allamre: il vizio per le “bionde”, quelle che contengono nicotina, fa correre il rischio di diventare sterili. Secondo uno studio condotto dai ricercatori dell’Università di Catania presentato durante il Congresso, l fumo di sigaretta ha un effetto tossico sugli spermatozoi umani, provocando la riduzione della loro capacità motoria e fecondativa.

 

Da un esperimento condotto sul liquido seminale di un gruppo di soggetti sani e non fumatori, sottoposto a dosi crescenti di condensato di fumo di sigaretta, è emerso che dopo 24 ore di esposizione, gli spermatozoi erano tutti immobili. Secondo i ricercatori ciò indicherebbe la possibilità che il fumo provochi un indebolimento degli spermatozoi, e, di conseguenza, possa contribuire allo sviluppo dell’infertilità maschile.

Pertanto, per non vanificare gli effetti positivi prodotti dall’alimentazione mediterranea, il consiglio resta sempre lo stesso: meglio non fumare.

 

 

consulta i nostri specialisti in infertilità,

chiama il n. 0923 714 660


da gennaio 2011 ci trovi su HarDoctor News, il Blog

da gennaio 2011!

Il Meteo a Marsala!

Il Meteo

Bookmark & Share

Condividi con ...

Farmaci a prezzi imbattibili!

Farmacia On Line
Annunci

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: