Posts Tagged 'disturbi cardiovascolari'

Pomodoro salva-cuore: al sugo o concentrato per prevenire l’infarto

pomodoroIl pomodoro, alimento base della dieta mediterranea, è un alleato prezioso per prevenire i disturbi cardiovascolari: lo provano i dati forniti dai cardiologi al 2° Mediterranean Cardiology Meeting in corso a Taormina.  

Le proprietà del pomodoro – A proteggere il cuore è il licopene, una sostanza presente nell’ortaggio in generose quantità, che regala alla buccia il suo colore rosso intenso. Già noto per le sue proprietà terapeutiche contro il tumore alla prostata, il carotenoide è uno tra gli antiossidanti che impedisce la formazione delle placche che, nei vasi sanguigni, provocano le ostruzioni responsabili di ictus e infarti, contrastando l’azione nociva dei radicali liberi.

 

Meglio il sugo dell’insalata – I pomodori vanno però cucinati perché il licopene possa essere assorbito dall’organismo. Per cogliere la differenza, si tenga presente il fatto gli effetti positivi presenti in un chilogrammo di ortaggi freschi equivalgono a quelli contenuti cento grammi di concentrato. Via libera, allora, a sughi e salse per diminuire il rischio di insorgenza di patologie cardiovascolari anche del 30%, a seconda delle condizioni di salute di partenza dei pazienti.

 

Quando un ortaggio diventa una pillola – Sempre più spazio guadagna quel settore che prende il nome di “nutraceutica”. Per ovviare ad una serie di problemi – le quantità da consumare per ottenere i benefici di un alimento, la sua reperibilità o le eventuali controindicazioni per i singoli pazienti, ad esempio – gli scienziati stanno infatti cercando il modo di trasformare i principi attivi naturali in farmaci: compresse di buccia di pomodoro e olio all`omega3, per sopperire ai deficit della dieta e andare incontro a gusti e abitudini alimentari.

 

La dieta mediterranea che fa bene al cuore – Prima di ricorrere alle pillole, però, tra le cinque porzioni di frutta e verdura consigliate dai nutrizionisti per una dieta sana ed equilibrata non dimenticare un piatto di pasta con il sugo di pomodori freschi: gustoso, antinfiammatorio e salva-cuore.

fonte SALUTE24.it

Annunci

Occhio al colesterolo: anche quello «buono» non è sempre innocuo

C`è un “colesterolo buono” e un “colesterolo cattivo”: quello che cambia è il fatto che le molecole che lo trasportano nel sangue tendano o meno a depositarlo sulle pareti delle arterie. Ma siamo sicuri che il “colesterolo buono” sia sempre così innocuo per la nostra salute?

A porsi la domanda sono stati i ricercatori dell`Università di Chicago e la risposta cambierebbe le carte in tavola smentendo la tesi secondo la quale avere nel sangue alti livelli di “colesterolo buono” o HDL (High Density Lipoprotein) e bassi livelli di “colesterolo cattivo” o LDL (Low Density Lipoprotein) sia necessariamente sintomo di buona salute.

Il “colesterolo buono”, spiegano i ricercatori americani, potrebbe al contrario subire delle mutazioni nella sua “bontà”. Gli scienziati hanno scoperto che l`HDL contenuto nel sangue di persone affette da malattie come artrite reumatoide, disturbi renali o diabete sia diverso da quello contenuto nel sangue di soggetti in salute. Infatti, se il “colesterolo buono” normalmente è in grado di combattere le infiammazioni, quello modificato, trasformatosi in HDL “cattivo”, al contrario non lo fa.

La differenza tra HDL e LDL? Queste molecole, definite lipoproteine, gestiscono il trasporto del colesterolo. Si dice, però, che le LDL trasportino il “colesterolo cattivo” poiché  tendono a depositarlo sulla parete delle arterie, favorendo la formazione delle placche aterosclerotiche. Delle HDL, al contrario, si dice che trasportino il “colesterolo buono” in quanto  tendono a rimuoverlo ostacolando la formazione delle placche. Quello che conterebbe per essere in buona salute, quindi, non è il livello di colesterolo totale, ma il rapporto tra questo e i livelli di HDL.

“Per molti anni – dice Angelo Scanu, che ha guidato la ricerca – l`HDL è stato visto come “colesterolo buono”, generando la falsa percezione che alti livelli di questo tipo di colesterolo nel sangue fossero indice di buona salute”. I soggetti con alti livelli di HDL nel sangue, spiegano i ricercatori, non sarebbero invece necessariamente protetti dall`insorgenza di disturbi cardiovascolari. “Questo spiega – conclude Scanu – perché alcuni soggetti con ottimi livelli di “colesterolo buono” sviluppino comunque malattie cardiovascolari”.  Cosa fare allora? Gli scienziati consigliano ai pazienti di accertare, mediante analisi specifiche, se il “colesterolo buono” sia rimasto tale o sia diventato “cattivo”.

 

fonte SALUTE24.it


da gennaio 2011 ci trovi su HarDoctor News, il Blog

da gennaio 2011!

Il Meteo a Marsala!

Il Meteo

Bookmark & Share

Condividi con ...

Farmaci a prezzi imbattibili!

Farmacia On Line
Annunci

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: