Posts Tagged 'elettrocardiogramma'

“Sindrome da crepacuore”

Sembra infarto, ma non è. Si chiama sindrome di Tako-Tsubo, o cardiomiopatia da stress, ed è una malattia rara che all’inizio veniva confusa con l’assai più comune (e più pericoloso) infarto del miocardio. I pazienti arrivano in pronto soccorso con i caratteristici sintomi dell’infarto: dolore acuto al petto, un elettrocardiogramma con le alterazioni tipiche e il rilascio di quegli enzimi associati con la frequente malattia del cuore. Ma appena si effettua una coronarografia per cercare il punto in cui si è creata l’occlusione che impedisce al sangue di arrivare al cuore, cosa che nell’infarto provoca la morte di molte cellule, non si trova nulla. Molti l’hanno anche definita “sindrome da crepacuore“, o da cuore spezzato: colpisce soprattutto le donne in un periodo successivo alla menopausa, quando non sono più protette dall’ombrello ormonale estrogenico, e si associa nell’80% dei casi a forti stress emotivi, come per esempio dei lutti. E’ per questo motivo che spesso viene assimilata al “crepacuore”. Un team di cardiologi, Leda Galiuto, Alberto Ranieri De Caterina, Angelo Porfidia, Lazzaro Paraggio, Sabrina Barchetta, Gabriella Locorotondo, Antonio G. Rebuzzi del dipartimento di Medicina Cardiovascolare dell’Università Cattolica-Policlinico Gemelli di Roma, guidato da Filippo Crea, hanno individuato il meccanismo che è alla base di questa curiosa patologia e hanno appena pubblicato un articolo sullo European Heart Journal, rivista della European Society of Cardiology. Un articolo che è già fra i cinquanta più letti nel settore. “Nell’80% dei pazienti i sintomi rientrano spontaneamente dopo un paio di settimane senza lasciare traccia – spiega Filippo Crea – mentre negli altri casi il danno persiste. Il punto è che il danno causato dalla sindrome è nel cuore, ma non nelle coronarie. Quello che noi abbiamo cercato di spiegare è il meccanismo che porta all’insorgenza di questi sintomi”. Per effettuare questo studio il gruppo guidato da Crea ha studiato quindici donne di età media 68 anni per un mese. Grazie a questo studio, per la prima volta si è riusciti a individuare il meccanismo fisiopatologico della malattia. “Ci siamo concentrati sulla regione apicale del cuore – spiega la prima autrice Leda Galiuto, ricercatrice presso l’Istituto di Cardiologia della Cattolica – perchè è lì che è ubicata la disfunzione, tanto che il cuore assume la caratteristica forma a palloncino o, come hanno osservato i giapponesi, a forma di cesta per raccogliere i polipi, il Tako-Tsubo è appunto il nome di questa cesta in giapponese”. L’ipotesi dei ricercatori era che il meccanismo che condiziona la disfunzione risiede nello spasmo dei piccoli vasi coronarici, il cosiddetto microcircolo coronario. “Per dimostrare la veridicità della nostra ipotesi abbiamo utilizzato l’ecocontrastografia miocardica, una metodica di cui siamo pionieri e che consente di studiare in modo selettivo, sicuro, poco costoso e a letto del paziente proprio il microcircolo coronario”, spiega Galiuto. “Il microcircolo gioca un ruolo importante nelle malattie cardiache – aggiunge l’ordinario di Cardiologia della Cattolica Filippo Crea – e l’intensa vaso costrizione di questi piccoli vasi non si può normalmente apprezzare in una coronarografia”. I ricercatori sono riusciti anche a dimostrare che questo spasmo microvascolare è reversibile e che una volta superata la fase acuta, si risolve anche la disfunzione microvascolare alla base dei sintomi osservati. “Nel paziente normalmente non rimangono danni perchè la riduzione nell’apporto di sangue è sì abbastanza grave da non fornire energia sufficiente al cuore per contrarsi, e di qui la forma ‘a palloncino’, ma non così grave da determinare la morte delle cellule cardiache come invece avviene in un infarto“, conclude Crea.

Fonte AGIsalute

Annunci

Elettrocardiogramma: un test inefficace?

L`elettrocardiogramma, uno dei test diagnostici di routine più diffusi, nonostante sia effettivamente utile nel rintracciare un attacco cardiaco in corso, si è rivelato parzialmente inefficace nel predire il rischio cardiovascolare futuro. La notizia arriva da una ricerca condotta dal London Chest Hospital e pubblicata dall`autorevole British Medical Journal. I medici inglesi, coordinati da Adam Timmis, hanno infatti monitorato ben 8.176 pazienti con sospetta angina pectoris, uno dei più comuni sintomi di disturbi cardiovascolari. Tutti avevano effettuato i necessari accertamenti clinici e un elettrocardiogramma a riposo, in più il 60% si era sottoposto a un Ecg sotto sforzo. L`osservazione e i dati raccolti nel corso di alcuni anni hanno però dimostrato che quasi la metà degli “eventi coronarici” occorsi, quali per esempio gli attacchi cardiaci, si sono verificati in soggetti che presentavano un Ecg perfetto. L`elettrocardiogramma sarebbe quindi, a detta dei ricercatori, un test diagnostico di utilità limitata nella prevenzione a lungo termine di infarto e ictus, in particolare in soggetti non cardiopatici. “La ricerca conferma che i cardiologi, per fare una diagnosi il più possibile accurata, devono parlare con i loro pazienti, discutendo di sintomi e storia medica e considerando il tracciato dell`Ecg uno strumento accessorio”, conclude Mike Knapton, della British Heart Foundation. L`Ecg può, infatti, essere d`aiuto ai medici quando un paziente che già soffre di problemi cardiaci presenta insoliti dolori al torace e sintomi infartuali, ma non serve, secondo i ricercatori, a predire un eventuale rischio futuro.

 

Consulta i nostri Specialisti, chiama il n. 0923 714 660!


da gennaio 2011 ci trovi su HarDoctor News, il Blog

da gennaio 2011!

Il Meteo a Marsala!

Il Meteo

Bookmark & Share

Condividi con ...

Farmaci a prezzi imbattibili!

Farmacia On Line
Annunci

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: