Posts Tagged 'fame'

Obesità: in arrivo aromi che fanno sentire sazi

Esiste una possibilità reale di sviluppare una nuova generazione di prodotti alimentari che rilasciano aromi ‘anti-fame’ durante la masticazione, aiutando le persone a sentirsi subito sazi. Ne e’ convinto un gruppo di ricercatori del Belgio che ha espresso la sua teoria in un articolo pubblicato sulla rivista ACS’ Journal of Agricultural and Food Chemistry. Questi cibi, secondo gli studiosi, potrebbero combattere l’epidemia mondiale di obesità attualmente in atto grazie a particolari aromi che bloccano la fame e impediscono alle persone di mangiare molto. Rianne Ruijschop e colleghi hanno notato che gli scienziati hanno cercato a lungo di sviluppare alimenti gustosi che attivano o aumentare la sensazione di ‘sazietà’. Fino a poco tempo fa, la ricerca e’ stata concentrata sugli effetti del cibo nello stomaco dopo che le persone lo hanno inghiottito. Ora gli sforzi sono tutti tesi a creare cibi che ci saziano subito, magari sfruttando l’azione di aromi anti-fame. Le molecole che compongono l’aroma di un alimento, secondo quanto spiegato dai ricercatori, potrebbero inviare un segnale al cervello che attiva subito la sensazione di sazietà e aiutare così le persone. Le prospettive, dicono i ricercatori, sono davvero molto promettenti, anche se si e’ ancora all’inizio delle prime sperimentazioni.

Fonte AGI-Salute  

Stomaco chiama, cervello risponde: un ormone attiva la fame

Bimbo che mangiaVerso l’ora dei pasti, un ormone andrebbe a “dire” al cervello che lo stomaco “ha fame”. È quanto sostengono su Proceedings of the National Academy of Sciences i ricercatori della Columbia University e della Rockefeller University di New York (Usa), secondo cui sarebbe l’ormone chiamato grelina a stabilire l’orario di colazione, pranzo e cena.

“La grelina – spiega Donald W. Pfaff , ricercatore della Rockefeller University – viene rilasciata dalle cellule dello stomaco e viaggia attraverso il flusso sanguigno fino al cervello, dove influenza il processo decisionale delle cellule cerebrali riguardante la necessità di assumere cibo”.

La ricerca è stata condotta su due gruppi di topi, uno di controllo e uno composto da roditori geneticamente modificati e privati del recettore che riconosce la grelina. Durante lo studio gli esperti hanno osservato che i topi privi del recettore iniziavano a cercare il cibo molto più tardi e in misura inferiore rispetto agli altri. Gli scienziati, hanno anche dimostrato che l’ormone viene messo in circolazione prima dei pasti, e che, una volta rilasciato, stuzzicava l`appetito dei topi, spingendoli a cercare attivamente il cibo e a consumarlo, pur non avendo fame.

Secondo i ricercatori lo stomaco, tramite la grelina, comunicherebbe al cervello che è giunta l’ora di mangiare, influenzando il nostro orologio interno. “Se si mangia di continuo – afferma Rae Silver, capo del Laboratory of Neurobiology and Behavior della Columbia University – la secrezione di grelina non viene controllata in modo adeguato, per cui è un bene consumare i pasti in orari regolari”. Lo studio apre la strada alla sperimentazione di nuovi medicinali basati sulla grelina che “a differenza dei farmaci che si concentrano sulla sazietà – conlude l’esperto -, avranno l’obiettivo di contenere l`appetito”.

Gene obesità spegne senso sazietà

Un ‘gene dell’obesità” ha svelato il modo in cui mette in pericolo la linea: spegne il senso di sazietà e induce a mangiare senza freni. La scoperta, di ricercatori della University College e dell’Istituto di Psichiatria del King’s College di Londra, si riferisce al gene ‘FTO’. Lo studio e’ stato condotto su oltre 3000 bambini tra 8 e 11 anni. I bimbi che portano nel proprio Dna la forma di FTO che favorisce l’obesità’ non sono capaci di dire quando si sentono pieni e quindi mangiano di più.

(fonte ANSA) – ROMA, 28 LUGLIO 2008


da gennaio 2011 ci trovi su HarDoctor News, il Blog

da gennaio 2011!

Il Meteo a Marsala!

Il Meteo

Bookmark & Share

Condividi con ...

Farmaci a prezzi imbattibili!

Farmacia On Line

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: