Posts Tagged 'papille gustative'

Questione di gusto: il palato delle bambine è più sensibile

caramelleBambine dalle papille gustative più sensibili rispetto ai coetanei maschi, ragazzini che preferiscono le bibite dolci ed evoluzioni delle preferenze alimentari nel corso del tempo: ecco quanto è emerso dalla più ampia indagine mai effettuata sul senso del gusto.

La ricerca è stata condotta dalla Danish Science Communication e dagli esperti nutrizionisti della Faculty of Life Sciences (Life) dell’Università di Copenhagen, grazie alla collaborazione di 8.900 bambini e ragazzi danesi in età scolare. Una sorta di test di massa che è stato possibile pianificare in occasione dell’anno dedicato alle scienze naturali dalle scuole elementari e medie danesi: gli esperimenti sono stati infatti condotti nelle classi grazie a un kit completo di campioni da degustazione.

Molte differenze tra bambini e bambine sono state evidenziate nell’abilità nel saper distinguere i sapori: le femmine sono infatti più brave nel riconoscere tanto il dolce quanto l’amaro. Il numero delle papille gustative, però, non cambia a seconda del sesso: a fare la differenza è piuttosto il modo in cui maschi e femmine processano l’impressione del gusto che queste inviano al cervello.

Il 30% dei giovani partecipanti ai test non ha espresso una netta preferenza per le bibite dolci, come i ricercatori si aspettavano: non è detto quindi che per piacere ai più piccoli cibi e bevande debbano essere molto zuccherati. Inoltre se le femmine prediligono i gusti più delicati, i maschi amano i sapori forti: mentre le prime hanno assegnato la loro preferenza alle bevande né troppo dolci né troppo amare, i secondi invece hanno dichiarato di preferire le bibite a più alta o a più bassa concentrazione di zucchero.

Per i teenager il mondo diventa più amaro. Con l’età aumenta infatti la percezione del gusto: il cambiamento maggiore si verifica tra i 13 e 14 anni, fase in cui nei ragazzi l’amore per i cibi dolci comincia a svanire.

Nonostante questi test si siano concentrati solo sul senso del gusto, i ricercatori vorrebbero ora analizzare anche le differenze di genere nei bambini per quanto riguarda l’olfatto: gli studi forniranno un quadro complessivo delle preferenze dei più piccoli, per la gioia di industrie alimentari e genitori alle prese con figli schizzinosi.

Il fumo spegne i sapori perché mette ko le papille gustative

Le sigarette uccidono i sapori non solo perchè lasciano in bocca il gusto di tabacco ma perchè fumare mette «fuori uso» le papille gustative. Lo dice uno studio pubblicato sulla rivista BioMed Central da Pavlidis Pavlos dell’Universitaì Aristotele di Thessaloniki in Grecia, che ha dimostrato come i fumatori abbiano sulla lingua un minor numero di papille gustative rispetto a chi non fuma, e che quelle rimaste sono più piatte del normale.

SigarettaLO STUDIO – Gli esperti hanno esaminato la lingua di 62 persone, di cui 28 fumatori. In un primo esperimento hanno misurato la loro soglia di sensibilità ai sapori usando degli elettrodi collegati alle papille fungiformi, un tipo di papilla gustativa. È emerso che la soglia di percezione del sapore è più alta nei fumatori, ovvero questi sono meno sensibili ai sapori, infatti serve una maggiore intensità di corrente per accendere le papille dei fumatori. Nella seconda parte della ricerca i ricercatori hanno usato un endoscopio per studiare forma, numero e dimensioni delle papille. È risultato che sulla lingua dei fumatori ce ne sono meno e quelle presenti sono di forma più appiattita. Secondo gli esperti, quindi, le sigarette mandano in fumo i sapori guastando le «antenne» predisposte per captarli.


da gennaio 2011 ci trovi su HarDoctor News, il Blog

da gennaio 2011!

Il Meteo a Marsala!

Il Meteo

Bookmark & Share

Condividi con ...

Farmaci a prezzi imbattibili!

Farmacia On Line

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: