Posts Tagged 'reumatologia'

Artrite: sintomi, cause, cura e terapie

L’artrite è l’infiammazione di una o più articolazioni e si manifesta con dolore, calore, gonfiore e immobilizzazione dell’articolazione colpita. Puà svilupparsi a seguito di un trauma (contusione, lussazione) o essere causata da un’infezione batterica o virale. L’artrite, spesso, colpisce più articolazioni contemporaneamente (gomito, anca, ginocchio) ed è provocata da una malattia reumatica o da una disfunzione del sistema immunitario, che porta alla formazione di autoanticorpi, responsabili delle lesioni articolari. I sintomi peculiari della patologia sono: dolore e gonfiore a una o più articolazioni, febbre alta, inappetenza, stanchezza e debolezza.

Indipendentemente dalla causa, l’atrite è sempre una malattia seria e, in quanto tale, deve essere sempre sottoposta alla valutazione di un medico. Solo lo specialità potrà sottoporre il paziente alla terapia adeguata, in modo da evitare complicazioni e gravi esiti a distanza di tempo.

Se dovesse trattarsi di una artrite post-traumatica o di origine virale, la guarigione è rapida e la ripresa delle funzionalità generalmente non presenta problemi. Se invece si tratta di una malattia reumatica o di un’artrite reumatoide è necessario seguire molto accuratamente le indicazioni del medico, perchè i tempi necessari per la completa guarigione sono molto lunghi.

Ogni forma di artrite richiede riposo a letto nella fase acuta. A seconda della causa che l’ha determinata, la trattamento curativo può prevedere l’uso di antibiotici (per quella settica, infettiva), di farmaci antiinfiammatori o cortisonici per periodi di tempo prolungati. Trattandosi di terapie molto impegnative, dovranno essere sempre precedute da un accertamento diagnostico approfondito, da attuarsi in ambieto ospedaliero.

Contattaci per un Appuntamento con il nostro Reumatologo!!

Curare le malattie gengivali riduce i sintomi dell’artrite.

Esiste uno stretto legame fra piorrea e artrite.

piorrea dentale

Un team di ricercatori americani ha scoperto che curare le malattie gengivali riduce decisamente i sintomi dolorosi provocati dall’artrite. Lo studio, pubblicato sul ‘Journal of Periodontology’, e’ stato condotto dai ricercatori della Case Western Reserve University School of Dentale Medicine e dell’University Hospital di Cleveland su un piccolo gruppo di 40 pazienti con una forma grave di artrite reumatoide. Tutti soffrivano anche di parodontite media o grave, una patologia spesso associata all’artrite reumatoide. I ricercatori hanno diviso i pazienti in quattro gruppi, di cui due sono stati trattati con una terapia a base di un farmaco biologico anti-Tnf (tumor necrosis factor). Inoltre alcuni pazienti hanno ricevuto un trattamento standard non chirurgico per curare la parodontite, rimuovendo infezione e infiammazione gengivale, un terzo gruppo ha ricevuto solo le cure dentali e l’ultimo non ha fatto nulla di particolare per tutta le sei settimane di durata della sperimentazione. Alla fine dello studio i ricercatori hanno visto che i pazienti che avevano ricevuto le cure dentali hanno visto migliorare i sintomi dell’artrite, quali dolore, rigidità e gonfiore alle articolazioni. I benefici maggiori sono stati sperimentati da chi aveva abbinato le cure gengivali al farmaco. Per questo motivo i ricercatori invitano i reumatologi a incoraggiare i pazienti a non sottovalutare il legame tra piorrea e artrite.

Psoriasi: dieci geni provocano la malattia

psoriasiNon è colpa di un gene solo: tre gruppi indipendenti di ricercatori cinesi, americani e spagnoli, grazie all’analisi del patrimonio genetico di un largo campione di malati e di un gruppo di controllo, hanno individuato la possibile causa della psoriasi in 10 variazioni genetiche che lavorano in concerto, probabilmente innescate da un fattore scatenante ambientale o psico-emotivo.

Gli individui con una storia familiare di psoriasi sono infatti più soggetti ad ammalarsi: lo studio, pubblicato su Nature Genetics, potrebbe fornire una possibile chiave per identificare le persone più a rischio e migliorare i trattamenti disponibili per curare questo disturbo dermatologico. I pazienti affetti da psoriasi vengono adesso sottoposti a cure a base di creme e light therapy.

 

Alcuni trattamenti farmacologici riescono a rallentare l’iperproduzione delle cellule della pelle responsabili della formazione degli arrossamenti e delle placche, ma non esiste ancora una soluzione definitiva. “Alcuni dei geni che hanno attirato l’attenzione degli studiosi – afferma Goncalo Abecasis, uno coordinatori della ricerca – sono stati già utilizzati nello sviluppo di cure possibili per intervenire sulla patologia, altri potrebbero esserlo in futuro”. Gli scienziati sono cauti: non si tratta di un impatto decisivo nella cura della malattia, precisano. Scoprire i fattori genetici di rischio non è detto che si traduca nell’immediato sviluppo di trattamenti, ma avere il quadro completo della predisposizione potrebbe aiutare in chiave preventiva.

 

chiama galenosalute!

Fibromialgia … tre anni per la diagnosi!

“In Italia, i malati di fibromialgia arrivano alla diagnosi in media dopo 3 anni”, ha detto il Reumatologo Piercarlo Sarzi Puttini. Tre anni durante i quali i pazienti, in tutto 2 milioni di italiani (al 90% donne), vedono 3-4 specialisti spesso impreparati ad affrontare la “patologia, caratterizzata da dolore cronico diffuso a ossa e muscoli che non provoca alterazioni rilevabili con analisi”, ha aggiunto il direttore dell’Unita’ Operativa di Reumatologia all’Ospedale Sacco di Milano.

logo-ansa4

Se pensi di essere afflitto da tale problema consulta il nostro REUMATOLOGO, chiama il numero 0923 714 660!

Parliamo di reumatologia con …

Tratteremo di REUMATOLOGIA con il dott. Renzo Caradonna, medico specialista in Reumatologia, nostro Ospite in GALENOsalute.

La Reumatologia è la disciplina che si occupa di prevenire, diagnosticare e curare tutte le malattie mediche (cioè quelle non traumatiche e non chirurgiche) dell’apparato locomotore.

Essa comprende sia i reumatismi degenerativi (in particolare le artrosi) che quelli infiammatori (artrite reumatoide, connettiviti, spondiloartriti sieronegative, ecc). La Reumatologia si occupa inoltre dei reumatismi extra-articolari localizzati (tendiniti, borsiti, fasciti, ecc.) e generalizzati (fibromialgia).

In pratica deve rivolgersi al Reumatologo chiunque lamenti un dolore continuo o intermittente o accessionale riferibile all’Apparato Locomotore (più precisamente: alla colonna vertebrale, agli arti superiori e/o inferiori) di durata non inferiore a 1-2 settimane o recidivante, soprattutto se esso si accompagna a gonfiore locale e/o a sintomi generali (debolezza, febbre, calo di peso) e/o ad una importante riduzione delle capacità funzionali della zona colpita.

Alcune rare ma importanti malattie autoimmuni (Lupus eritematoso sistemico o LES, sclerodermia, polimiosite, poliarterite) rientrano con l’artrite reumatoide (AR) tra le competenze specifiche del Reumatologo che è lo Specialista in grado di gestirle in modo ottimale.  

Queste malattie vedono oggi prospettive terapeutiche assai più ampie di pochi anni fa. Il Reumatologo gestisce inoltre tutta la patologia non traumatica della colonna vertebrale a meno che non si manifestino segni di tipo neurologico compressivo (intorpidimenti e deficit motori). Infine per qualsiasi dolore inspiegato e persistente non diagnosticato da altri Specialisti, è importante ottenere  il parere del Reumatologo.


da gennaio 2011 ci trovi su HarDoctor News, il Blog

da gennaio 2011!

Il Meteo a Marsala!

Il Meteo

Bookmark & Share

Condividi con ...

Farmaci a prezzi imbattibili!

Farmacia On Line

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: