Posts Tagged 'tiroide'

Ormoni Tiroidei e sviluppo del feto

Dai risultati di uno studio italiano condotto qualche mese fa da un team di ricercatori guidati dall’endocrinologo dell’Università Cattolica Alfredo Pontecorvi, risulta più chiaro grazie alla riproduzione di un modello di topo transgenico, il ruolo svolto dagli ormoni tiroidei della madre nello sviluppo embrio-fetale del sistema nervoso e di altri organi durante la gravidanza. Il modello animale prodotto dalla sperimentazione potrà servire a comprendere meglio gli effetti negativi delle patologie tiroidee materne nello sviluppo del nascituro, ma anche a sviluppare terapie farmacologiche per la cura di patologie come scompenso cardiaco, obesità e ipercolesterolemia. Gli ormoni tiroidei svolgono un ruolo fondamentale nello sviluppo del Sistema Nervoso. La carenza di questi ormoni alla nascita, se non prontamente diagnosticata e curata, provoca gravi e irreversibili danni cerebrali, causando un irreversibile deficit mentale noto come “cretinismo”. Di fatto non si sviluppa adeguatamente la fitta rete di interconnessioni tra le cellule nervose mentre le singole fibre nervose non vengono correttamente rivestite dalla guaina mielinica, un involucro isolante simile alla guaina di gomma che riveste i fili elettrici, la quale permette il veloce trasferimento degli impulsi nervosi da un neurone all’altro. Gli ormoni tiroidei sembrano essere importanti anche durante il periodo embrio-fetale, nel primo trimestre di gravidanza, quando la funzione tiroidea del feto non si è ancora attivata. È in questo periodo, infatti, che i neuroni si riproducono, formando il patrimonio cerebrale di ciascuno di noi, migrano nelle loro sedi definitive e si differenziano a costituire i diversi centri e strutture cerebrali. Durante il primo trimestre di gravidanza si ritiene, infatti, che siano gli ormoni tiroidei materni a fornire al feto l’ormone tiroideo di cui ha bisogno, influenzando in tal modo lo sviluppo del suo patrimonio neuronale. “L’azione di questi ormoni appare particolarmente spiccata in alcune aree cerebrali come quelle da cui origineranno il talamo, la struttura coinvolta nella regolazione del comportamento dell’individuo, e l’ipotalamo, in cui si svilupperanno diversi centri regolatori di svariate funzioni endocrino-metaboliche”, afferma il Dott. Pontecorvo. Ma anche altri tessuti sembrano risentire dell’azione ormonale tiroidea materna come quelli che daranno origine all’orecchio interno, l’occhio, la cute, nonché alcuni distretti del tubo gastro-intestinale. Questo topo transgenico rappresenta un importante modello sperimentale per studiare gli effetti dannosi dell’ipotiroidismo e dell’ipertiroidismo materni durante la gravidanza, e per comprendere il ruolo degli ormoni tiroidei nella regolazione metabolica e termogenica nei pazienti obesi o con disfunzioni intestinali connesse a malattie della tiroide umana. Lo studio è stato condotto dal Dott. Carmelo Nucera, attualmente ricercatore presso l’Università di Harvard negli USA e dal Prof. Alfredo Pontecorvi e a esso hanno contribuito altri studiosi italiani come il Prof. Vercelli dell’Istituto di Neuroscienze dell’Università di Torino, la Dott.ssa Tiveron della Fondazione EBRI Rita Levi-Montalcini di Roma e le Dott.sse Sacchi, Farsetti e Moretti dell’Istituto dei Tumori “Regina Elena” e CNR di Roma.

Fonte SANITA’news 

Per approfondimenti

Annunci

17-18 Aprile 2010 | Giornata Nazionale della Tiroide

Manifestazione di informazione e prevenzione sulle patologie della tiroide, promossa e organizzata dalle associazioni dei pazienti, col patrocinio dell’Associazione Italiana della Tiroide (AIT), dell’Associazione Medici Endocrinologi (AME) e della Società Italiana di Endocrinologia (SIE).

Una neo-mamma su tre in Italia soffre di tiroidite post-partum, ovvero di una infiammazione della ghiandola tiroidea che in genere si manifesta entro un anno dal parto e spesso si risolve spontaneamente. Se non trattata, però, può portare complicazioni per la salute della donna. Basti pensare che proprio al malfunzionamento della tiroide è dovuto il 5-10% dei casi di depressione post-partum. Non solo: la corretta funzione tiroidea è fondamentale anche durante la gravidanza, per garantire al nascituro uno sviluppo regolare e un quoziente intellettivo nella norma, per questo è essenziale sottoporsi a un controllo specifico ancor prima di restare incinta.

Proprio alla prevenzione delle patologie tiroidee prima, durante e dopo la gravidanza è dedicata la Giornata Nazionale della Tiroide. Sabato 17 e domenica 18 aprile nelle principali città italiane medici e volontari incontreranno i cittadini per fornire informazioni sulle malattie tiroidee e offrire screening endocrinologici gratuiti (visita, ecografia e, in alcune città, anche un prelievo del sangue). Per l’occasione saranno allestiti stand nelle piazze e saranno organizzati incontri con le associazioni, convegni e spettacoli. Inoltre, numerosi ambulatori di endocrinologia resteranno aperti anche di sabato.

Fonte BeMed.it | http://www.giornatadellatiroide.it/

E se non fosse la tiroide? Troppi farmaci e consulti. Il Regno Unito dice stop

ecografia tiroideNon sempre l`endocrinologo ha la soluzione giusta a portata di mano. E nel caso dell`ipotiroidismo, disfunzione della ghiandola tiroidea che interessa il 3 per cento della popolazione, i trattamenti ormonali prescritti non sono sempre necessari, alle volte sono persino ingiustificati. L`altolà arriva dall`autorevole British Journal of Medicine che ha fatto le pulci alla crescita esponenziale di diagnosi di ipotiroidismo primario avutesi negli ultimi anni e al parallelo incremento di terapie ormonali.

Le cause – L`ipotiroidismo primario è la forma più diffusa di disturbo della tiroide (il 95% dei casi) e consiste in una insufficiente produzione di ormoni tiroidei. Ma è anche, sostengono, gli esperti la più semplice da identificare. Può avere origine congenita, essere provocata da un`infezione e dall`aggressione delle cellule immunitarie, conseguenza di interventi chirurgici o dovuta ad un`alterazione dei meccanismi fisio-chimici della ghiandola. Solitamente sono gli esami del sangue a rilevare la disfunzione, come quello del TSH.

Crescono i falsi-diagnostici – I ricercatori della British Thyroid Association mettono in guardia i colleghi endocrinologi: troppe diagnosi-lampo, quando servirebbero accertamenti più approfonditi per escludere altre patologie. L`incremento dei pazienti con problemi tiroidei, ammettono i medici inglesi, è in parte dovuto all`invecchiamento della popolazione e gli organismi istituzionali hanno fissato regole precise e linee-guida per intervenire sul disturbo e sulle sue manifestazioni cliniche. L`obiettivo è scongiurare un numero crescente di terapie somministrate inutilmente. Crescono i trattamenti prescritti per ripristinare la funzione della tiroide, per poi scoprire che non erano giustificati. Gli ormoni tiroidei sono implicati infatti nel funzionamento di molti altri organi e quindi è alto il pericolo di un falso-diagnostico. Indici e valori possono suggerire una diagnosi di ipotiroidismo anche quando questo non c`è.

Quindici milioni di analisi – Uno su quattro dei circa 60 milioni di inglesi, secondo le statistiche di sanità pubblica, controlla ogni anno la propria funzionalità tiroidea. Troppi, dicono gli esperti. L`avvertimento degli endocrinologi non è orientato a colpevolizzare la categoria dei colleghi, ma pone l`attenzione sulla crescente ricerca da parte dei pazienti o presunti tali di notizie da Internet, il ricorso ad auto-diagnosi o a consulti inutili, che in molti casi, finiscono per tradursi in indagini superflue e troppo spesso in trattamenti inutili. A danno del paziente e delle casse dello Stato.

 

fonte SALUTE24.it

Parliamo di Tiroide e Tiroiditi con …

Questa settimana tratteremo di TIROIDE E TIROIDITI con il dott. Leonardo Gambino, medico specialista in Endocrinochirurgia, Esperto nelle malattie della tiroide, Esperto nei disturbi staturali di crescita, Dietoterapia e trattamento dell’Obesità, nostro Ospite in GALENOsalute.

Si sente spesso parlare della tiroide e di malattie della tiroide. In effetti tali patologie sono frequenti: il 10 % della popolazione italiana soffre di “noduli tiroidei“, la più frequente manifestazione patologica della tiroide.

La tiroide è una ghiandola endocrina (endocrina significa che ha una secrezione interna), situata nella regione anteriore del collo, davanti e lateralmente alla laringe ed ai primi anelli della trachea. E’ formata da due lobi, destro e sinistro, riuniti da una parte trasversale, detto istmo. La tiroide sintetizza principalmente due ormoni, la Triodotironina e la Tiroxina che influenzano fortemente tutto il nostro metabolismo. Questa ghiandola secerne inoltre un ormone chiamato Calcitonina, importante nella regolazione del calcio e del fosforo. Gli ormoni tiroidei hanno nell’organismo due effetti principali: aumento del metabolismo nella sua totalità; stimolazione della crescita nel bambino. Le patologie della tiroide sono molte e riconoscono diverse cause. Per semplicità verranno suddivise a secondo dell’alterazione della quota di ormoni tiroidei circolanti. Si parlerà perciò di ipotiroidismo e di ipertiroidismo. Si noti che i sintomi saranno di segno opposto, ad esempio nell’ipertiroidismo si ha un aumento dell’eccitabilità, mentre nell’ipotiroidismo si ha un rallentamento psico-motorio.

Di seguito tratteremo delle TIROIDITI, infiammazioni che colpiscono la ghiandola.

Le tiroiditi acute sono rare e secondarie ad una infezione batterica che determina la formazione di pus. Le tiroiditi subacute riconoscono in genere una origine virale e si verificano spesso dopo una infiammazione delle alte vie aeree (faringiti, laringiti). Le tiroiditi croniche invece non sono per nulla rare e riconoscono in genere una causa autoimmunitaria (tiroidite di Hashimoto), ossia la produzione di anticorpi contro alcune importanti strutture della tiroide. La conseguenza è spesso il sovvertimento della struttura della ghiandola, che diventa molto piccola ed incapace a produrre ormoni tiroidei in quantità sufficiente.

Le tiroiditi acute si manifestano con un quadro di infiammazione importante, dolore spontaneo, alla palpazione ed alla deglutizione, febbre alta. Anche nelle tiroiditi subacute il dolore al collo, spesso irradiato alle orecchie, è il sintomo più importante; la ghiandola aumenta di volume, è di consistenza dura e molto dolente. Una forma particolare di tiroidite subacuta è la tiroidite post-partum, che si verifica qualche settimana o mese dopo il parto e caratteristicamente non si accompagna a dolore. Le tiroiditi croniche invece hanno una sintomatologia sfumata e spesso decorrono senza che il paziente avverta alcun fastidio; vengono riconosciute nella fase degli esiti, quando il quadro ormonale dell’ipotiroidismo è diventato conclamato.

Nelle tiroiditi acute e subacute diventano molto alterati gli indici aspecifici di infiammazione (VES, proteina c reattiva, alfa2globuline, fibrinogeno ecc); nelle subacute in genere è presente una transitoria fase di ipertiroidismo all’inizio, della durata di pochi giorni, seguita dal ritorno ad una normale funzione. Nelle tiroiditi croniche invece sono spesso presenti gli anticorpi anti-perossidasi tiroidea (AbTPO) ed anti-tireoglobulina (AbTg) e, nella fase degli esiti e nel viraggio all’ipotiroidismo, incremento del TSH e diminuzione della tiroxina (T4).

Le infiammazioni acute vengono trattate con antibiotici e possono richiedere a volte l’intervento chirurgico. Quelle subacute richiedono un terapia con antiinfiammatori, spesso con derivati del cortisone. Le tiroiditi croniche in genere vengono curate con terapia sostitutiva con ormone tiroideo (T4) in caso di tendenza alla diminuzione della funzione tiroidea (ipotiroidismo).

In articoli successivi, se ci sarà il Vs. interesse, tratteremo di: IPOTIROIDISMO, IPERTIROIDISMO, NODULI TIROIDEI, TUMORI DELLA TIROIDE, etc.

Per ciò che concerne altri aspetti, peculiarità ed informazioni Vi invito a contattarci ed approfondire con i nostri ospiti Specialisti.

Dott. Carlo Cottone, Manager GALENOsalute e medico specialista in Medicina interna


da gennaio 2011 ci trovi su HarDoctor News, il Blog

da gennaio 2011!

Il Meteo a Marsala!

Il Meteo

Bookmark & Share

Condividi con ...

Farmaci a prezzi imbattibili!

Farmacia On Line
Annunci

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: