Posts Tagged 'vino'

Rosso-emicrania: arriva il primo vino che non dà alla testa

vino2Un bicchiere di vino e la testa gira. Un “effetto collaterale” che in futuro potrebbe essere curato direttamente nella bottiglia. Scienziati del Wine Research Centre presso l’Università British Columbia hanno infatti creato un lievito ogm capace di inibire le sostanze che danno il capogiro.

Il lievito messo a punto dal team guidato dal chimico Hennie van Vuuren promette invece etichette “bioamina-free”. A provocare i cerchi alla testa è infatti la bioamina, sostanza prodotta durante i processi di fermentazione del vino, che tiene lontano dal “rosso” almeno un terzo della popolazione.

Condividi su Facebook

Cuore e colesterolo: le 4 ragioni di Bacco per preferire il vino

vino2Abbandonata la cattiva compagnia di Tabacco e Venere, Bacco si prende la sua rivincita. A patto di non esagerare, il vino rosso abbassa il colesterolo “cattivo”, incrementa quello “buono” e riduce i rischi cardiovascolari. Ma le sue qualità non finiscono qui: ecco quattro nuove buone ragioni per concedersi un bicchiere di rosso.

Aiuta a mantenersi in forma. Un moderato consumo di vino ritarderebbe lo sviluppo di disabilità fisiche negli anziani. Lo sostiene una ricerca della della University of California di Los Angeles pubblicata sull’American Journal of Epidemiology. Secondo lo studio chi non disdegna un sorso di vino ha meno acciacchi rispetto a chi esagera con l’alcol, ma anche rispetto agli astemi. Attenzione, però: vale solo per chi, pur avanti con l’età, gode di buona salute.

Un`arma contro l’Alzheimer. Merito dei polifenoli, che inibirebbero lo sviluppo delle placche alla base del morbo. Non solo vino: la ricerca pubblicata sul Journal of Biological Chemistry ha affermato che di polifenoli sono ricchi anche altre prelibatezze come tè, noci, frutti di bosco e cacao.

Protegge il cuore, perché aumenta i livelli di Omega-3. Un bicchiere di rosso per le donne, due per gli uomini, incrementano gli omega-3, proteggendo così dalle malattie coronariche. Lo studio pubblicato sull’American Journal of Clinical Nutrition suggerisce anche che un ulteriore protezione può arrivare dagli acidi grassi presenti nel pesce.

Riduce il rischio di cancro ai polmoni. In un articolo su Cancer Epidemiology, Biomarkers and Prevention, i ricercatori affermano che gli uomini che hanno l’abitudine di consumare uno o due bicchieri al giorno, riducono del 60% il rischio di cancro al polmone. Gli stessi risultati non si sono purtroppo osservati per vino bianco, birra, o altri alcolici.

Il vino protegge dai calcoli alla cistifellea

vinoSecondo uno studio britannico bere alcol con moderazione proteggerebbe contro la formazione dei calcoli alla cistifellea. I ricercatori diretti dal dottor Paul Banim, della University of East Anglia, dopo aver analizzato i dati di 25.000 uomini e donne, hanno osservato che consumare due bicchieri al giorno di vino o birra riduce di un terzo le probabilità di soffrire di calcoli. L’equipe del dottor Banim sostiene che l’alcol riduce il colesterolo nella bile da cui si formano i calcoli basandosi anche sui dati di un vasto studio che analizzava la connessione tra dieta e cancro in uomini e donne di età compresa fra 45 e 74 anni. Gli esperti della East Anglia hanno così osservato che i soggetti che consumavano più alcol avevano un rischio inferiore del 32% di sviluppare i calcoli rispetto a chi non ne beveva o ne beveva poco. Per ogni bicchiere di alcol in più consumato a settimana, il rischio scendeva del 3%.

Bere vino allunga la vita di cinque anni

Bere mezzo bicchiere di vino ogni giorno può allungare la vita di circa cinque anni. Una ricerca olandese, pubblicata sul Journal of Epidemiology and Community Health, è giunta a questa conclusione dopo aver controllato i dati di 1400 persone nell’arco di quarant’anni. I numeri sulla longevità delle persone considerate nell’indagine indicano che chi consuma regolarmente vino, indifferentemente se bianco o rosso, vive in media cinque anni di più rispetto agli astemi; gli appassionati della birra, invece, aumentano di soli due anni e mezzo la loro aspettativa di vita. Gli studiosi arrivano a calcolare che chi beve mezzo bicchiere di vino ogni giorno per un lungo periodo di tempo può ridurre del 40% il proprio rischio di mortalità per qualsiasi causa e può abbassare del 48% il pericolo di incorrere in infarti, ictus e altri eventi cardiovascolari avversi. Questi benefici sono dovuti alle sostanze antiossidanti contenute nel vino, come il resveratrolo, e ad altre salutari molecole come il tannino. Ovviamente non bisogna esagerare con le dosi, perché l’alcool crea dipendenza e, quando è troppo, danneggia seriamente la salute. Chi consuma 20 grammi di alcol al giorno, che non sia contenuto nel vino, corre il 36% di rischio in meno di problemi cardiovascolari seri. Come spesso accade per queste ricerche, esse indicano una tendenza, ma non sono del tutto attendibili. I risultati statistici vanno incrociati, infatti, con le abitudini alimentari e gli stili di vita dei soggetti considerati, non dimenticando che dieta mediterranea, moto e indice di massa corporea sono fattori molto importanti per valutare il benessere di un individuo e approssimare in un dato numero di anni la sua aspettativa di vita. Visti i danni arrecati a fegato e cuore dal consumo esagerato di alcol, la coordinatrice dello studio olandese, Martinette Streppel, avverte che chi già usualmente consuma bevande alcoliche, dovrebbe limitarsi a bere un solo bicchiere di vino al giorno, controllando le quantità d’alcol totale ingerito nel corso della giornata con molta attenzione.


da gennaio 2011 ci trovi su HarDoctor News, il Blog

da gennaio 2011!

Il Meteo a Marsala!

Il Meteo

Bookmark & Share

Condividi con ...

Farmaci a prezzi imbattibili!

Farmacia On Line

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: