Posts Tagged 'yogurt'

Lo yogurt combatte obesità e diabete

yogurtI fermenti lattici come preziosi alleati nel prevenire obesità e diabete. È la conclusione cui giunge una ricerca finlandese su una serie di bambini nutriti fin dai primi anni di vita con lo yogurt. I ricercatori, coordinati dal dott. Marko Kalliomaki, sono convinti della capacità dei fermenti lattici di ostacolare l’aumento del peso e l’insorgenza di complicazioni dovute a una cattiva alimentazione, come il diabete, appunto. I medici finlandesi hanno notato come, a distanza di alcuni anni, i bambini che avevano assunto regolarmente yogurt pesavano in media 4 chili in meno dei loro compagni e presentavano un intestino pressoché libero dai batteri cattivi, quali lo stafilococco. Nei soggetti obesi, infatti, la flora intestinale è più ricca di batteri produttori di tossine mentre, perdendo peso, la stessa flora batterica migliora. Qui entra in gioco lo yogurt e i suoi effetti positivi: il suo segreto consiste nella capacità di ridurre l’assorbimento di energia degli alimenti, fino al 2%.
Concorda con le conclusioni dello studio nordico anche la dott.ssa Rosalba Giacco, ricercatrice all’Istituto di Scienze dell’Alimentazione del CNR di Avellino: “Credevamo che la flora intestinale avesse effetto solo a livello locale, proteggendo il colon da tumori e malattie infiammatorie croniche: non è così. I fermenti lattici, infatti, producono acido acetico, propionico e butirrico: i primi due vanno nel sangue e da qui nel fegato, dove regolano la produzione epatica di glucosio e grassi come colesterolo e trigliceridi; il butirrico invece resta nell’intestino a ‘nutrire’ le cellule dell’epitelio”.
I fermenti lattici possono essere assunti direttamente grazie a yogurt e prodotti simili, ma sarebbe bene favorirne lo sviluppo anche attraverso un’alimentazione complessivamente più sana e ricca di fibre, con una maggiore attenzione quindi per frutta, verdura e prodotti integrali quali pasta e pane. Prosegue la dott.ssa Giacco: “Le fibre favoriscono la crescita dei batteri buoni al posto dei cattivi, che invece proliferano se si mangia molta carne o altri prodotti di origine animale. Purtroppo anche in Italia abbiamo un po’ perso le sane abitudini della dieta mediterranea e consumiamo meno fibre rispetto al passato: ora siamo più o meno allineati ai consumi europei, che variano fra i 3 e gli 11 grammi di fibre al giorno. Poche: è bene aumentare l’introito di frutta, verdura, cereali, pasta e pane integrali, oltre che di prodotti come lo yogurt che contengono fermenti lattici. Serve a prevenire l’obesità e quindi il diabete, ma anche tumori, malattie cardiovascolari e molte malattie croniche intestinali”.
Da oggi, perciò, pare esserci un motivo in più per mangiare yogurt e pensare a un cambiamento delle nostre abitudini alimentari.

Condividi su Facebook

Annunci

Fermenti lattici per prevenire l’obesità e il diabete

I probiotici e i cibi che ne favoriscono lo sviluppo riducono il rischio di ingrassare e ammalarsi di diabete.

YOGURTUno yogurt al giorno toglie obesità e diabete di torno. Così si potrebbe riadattare il vecchio detto alla luce di quanto si è discusso a Riccione, al congresso Panorama Diabete della Società Italiana di Diabetologia: secondo gli esperti infatti non c’è alcun dubbio, la flora intestinale conta, eccome, nel decidere il nostro peso sulla bilancia e pure nel proteggerci o meno dal diabete.

STUDI – La convinzione deriva dalle ricerche più recenti: una, pubblicata poco tempo fa da ricercatori finlandesi, ha scoperto che i batteri che stazionano nell’intestino fin dalla prima infanzia condizionano il peso dei bambini. Marko Kalliomaki, dell’università di Turku in Finlandia, ha studiato 49 bimbi valutandone la flora batterica intestinale a un anno di vita; dopo 6 anni ha rivisto i piccoli e ha scoperto che quelli in cui abbondavano i probiotici (i famosi bifidobatteri che si trovano anche nello yogurt) pesavano in media 4 chili di meno rispetto ai coetanei che da neonati avevano l’intestino più ricco di batteri «cattivi», come lo stafilococco. Un dato che si somma ad altri e fa dire ai diabetologi che la flora intestinale «buona», cioè i probiotici o fermenti lattici, aiuta a prevenire l’obesità e il diabete, a questa strettamente correlato. «Credevamo che la flora intestinale avesse effetto solo a livello locale, proteggendo il colon da tumori e malattie infiammatorie croniche: non è così – spiega Rosalba Giacco, relatrice alla sessione del convegno su alimentazione e diabete e ricercatrice all’Istituto di Scienze dell’Alimentazione del CNR di Avellino –. I fermenti lattici infatti producono acido acetico, propionico e butirrico: i primi due vanno nel sangue e da qui nel fegato, dove regolano la produzione epatica di glucosio e grassi come colesterolo e trigliceridi; il butirrico invece resta nell’intestino a “nutrire” le cellule dell’epitelio».

PROBIOTICI – Quando la flora «buona» scarseggia e prendono il sopravvento altri batteri, allo stesso modo gli effetti si fanno sentire anche altrove: «I batteri cattivi producono tossine che favoriscono l’infiammazione e l’aterosclerosi, riducono l’attività dell’insulina e promuovono la sintesi di colesterolo e trigliceridi», dice Giacco. Così non stupisce scoprire che negli obesi la flora intestinale è molto diversa rispetto a quella dei magri e che perdendo peso anche i batteri nell’intestino si modificano. «I batteri intestinali buoni regolano l’assorbimento dell’energia dagli alimenti: riducono del 2 per cento l’introito energetico, e ciò nell’arco di anni può fare la differenza fra essere normopeso o sovrappeso – continua la ricercatrice –. Inoltre, i probiotici hanno anche effetto stimolante su ormoni intestinali che portano a un aumento del senso di sazietà, e quindi a mangiare di meno».

PREBIOTICI – I fermenti lattici si possono introdurre da soli attraverso yogurt o simili, ma è utile anche favorirne lo sviluppo mangiando cibi che sono «graditi» ai batteri buoni, i cosiddetti prebiotici: per lo più si tratta di fibre provenienti da frutta e verdura. «Le fibre favoriscono la crescita dei batteri buoni al posto dei cattivi, che invece proliferano se si mangia molta carne o altri prodotti di origine animale – spiega Giacco –. Purtroppo anche in Italia abbiamo un po’ perso le sane abitudini della dieta mediterranea e consumiamo meno fibre rispetto al passato: ora siamo più o meno allineati ai consumi europei, che variano fra i 3 e gli 11 grammi di fibre al giorno. Poche: è bene aumentare l’introito di frutta, verdura, cereali, pasta e pane integrali, oltre che di prodotti come lo yogurt che contengono fermenti lattici. Serve a prevenire l’obesità e quindi il diabete, ma anche tumori, malattie cardiovascolari e molte malattie croniche intestinali», conclude l’esperta.

Condividi su Facebook

Acidità e ulcera: da galline e mucche lo yogurt salva-stomaco

yogurtDopo quello anti-colesterolo, dopo quello per regolarizzare il transito intestinale e che promette di sgonfiare l`addome, prossimamente sugli scaffali del supermercato potrebbe arrivare lo “yogurt anti-ulcera“: un prodotto in grado di unire il gusto del latte fermentato alla capacità di prevenire o eliminare i batteri che causano i disturbi epatici. L`alimento prodigioso è stato presentato durante il 237° Convegno Nazionale della American Chemical Society da un gruppo di ricercatori giapponesi, che ha messo a punto un rimedio contro l`ulcera davvero innovativo. Più che le mucche, però, sono le galline le vere artefici di questa terapia cremosa contro l`acidità di stomaco  e l`aggressione alle pareti dello stomaco. 

Colpa del batterio – La maggior parte delle forme di ulcera allo stomaco è dovuta ad un uso eccessivo di medicinali antinfiammatori o alla presenza di un batterio, l`Helicobacter pylori, che può essere neutralizzato da antibiotici e antiacidi. Tuttavia, questi farmaci possono risultare costosi per chi vive nei paesi in via di sviluppo, per cui gli scienziati hanno cercato un rimedio più economico contro il batterio.

 

Galline anti-ulcera – In tal modo, hanno scoperto che l`Helicobacter pylori si lega ad una proteina chiamata ureasi per  infettare il rivestimento dello stomaco. Gli studiosi hanno quindi iniettato l`ureasi in un gruppo di polli, il cui sistema immunitario ha prodotto un anticorpo, l`IgY-urease, presente anche nelle uova delle galline che i ricercatori hanno utilizzato per realizzare lo yogurt anti-ulcera.

 

L`alimento è stato testato durante uno studio che ha coinvolto 42 persone colpite dal batterio. I soggetti sono stati divisi in due gruppi, che hanno consumato, nell`arco di quattro settimane, due tazze al giorno di yogurt, normale per il primo gruppo, arricchito con l`anticorpo per il secondo. Dall`analisi è emerso che i soggetti che avevano assunto lo yogurt anti-ulcera presentavano un livello di urea – un sottoprodotto dell`ureasi – ridotto e una minore attività batterica rispetto agli altri. Secondo i ricercatori, integrare la dieta con il nuovo yogurt sarebbe sufficiente a contrastare i fastidi dell`acidità e a combattere il batterio responsabile dell`ulcera, con un occhio anche alla linea e al gusto.

 

fonte SALUTE24.it

Probiotici gusto frutta: il succo per i diabetici arriva dalla Cina

succo di fruttaUn mix di zucca, pere, carote e cipolle, lavorate con i fermenti lattici: la ricetta, che arriva direttamente dalla Cina, permetterà ai diabetici di bere il succo di frutta. La bevanda, che del succo di frutta ordinario conserva il gusto, le vitamine e le altre sostanze nutritive, è caratterizzata da un basso apporto di calorie per consentirne il consumo ai malati di diabete, sensibili all`assunzione degli zuccheri. La ricerca che ha portato alla realizzazione della nuova bevanda è stata presentata da un gruppo di scienziati cinesi nel corso della 237° Assemblea Nazionale dell`American Chemical Society svoltasi nei giorni scorsi a Salt Lake City, nello Utah (Stati Uniti).

La ricerca – Il segreto è tutto nei fermenti lattici, spiegano i ricercatori Heqin Xing, e Xiuqi Liu di Jilin dell`University of Changchun (Cina). La produzione del succo si basa quindi sull`uso dei lactobacilli (in particolare il lactobacillus acidophilus e il l. plantarum), batteri che producono acido lattico come risultato della fermentazione – processo già utilizzato nella produzione di altri alimenti come yogurt, formaggi e salsicce – per eliminare i carboidrati, pur mantenendo inalterati sapore, vitamine, minerali e altre sostanze nutritive. “Questo è uno sviluppo entusiasmante – ha detto Liu -. Il processo di produzione rimuove la presenza degli zuccheri in maniera significativa, ma mantiene il contenuto nutrizionale delle materie prime che compongono il succo”.

Più economico, meno costoso – I tradizionali metodi di depurazione del succo dagli zuccheri sono più costosi e molto più complessi rispetto al processo a base di lactobacilli, spiega Liu: “Questo procedimento migliora il metodo di preparazione delle bevande vegetali adatte ai diabetici, essendo più semplice da realizzare e meno costoso dei procedimenti già esistenti”.

Ma quale prezzo paga il sapore del nuovo succo? – Grazie all`aggiunta di xilitolo, un dolcificante adatto ai diabetici, Xing spiega che il succo di frutta ha un buon sapore agrodolce, come molti altri succhi di frutta già in commercio. “Il gusto è buono, e le calorie sono ridotte grazie al ridotto contenuto di carboidrati – conclude Xing -. Probabilmente entro un anno saremo in grado di metterlo sul mercato“.

fonte SALUTE24.it

Yogurt, tra storia e benefici …

La prima volta che l’essere umano ha utilizzato lo yogurt nella sua alimentazione risale nel periodo intorno ai 5.000/ 3.000 prima di Cristo, nell’antica Mesopotamia, nelle vicinanze dei fiumi Tigris e Eufrates. Già in quell’epoca si consumava yogurt. Arriva poi in Europa attraverso la Bulgaria, nel secolo XX, non solo come cibo ma anche per uso terapeutico: già nel II secolo, il medico Greco Galeno utilizzava lo yogurt come terapia per le malattie dello stomaco.

Lo yogurt è un alimento del gruppo dei latticini, importante per la buona salute di bambini, adulti e anziani. Si trova di origine naturale o industriale, di tipo intero o scremato. E’ un alimento con una alta acidità, ricco di calcio e proteine. A differenza del latte, lo yogurt è molto più digeribile, e non crea intolleranze o allergie, è ottimo per le persone che devono seguire una dieta ricca di calcio ma che sono allergici o intolleranti al latte, poiché il suo contenuto di lattosio è solo del 3 %.

Ci sono gli yogurt interi, che sono ottimi per bambini e adulti sani, poi ci sono quelli scremati, buoni per gli adulti con problemi di sovrappeso, obesi e adulti che voglio solo mantenere un peso giusto, e per gli anziani che non possono consumare alimenti ricchi di grassi saturi e colesterolo. C’è poi ancora lo yogurt alla frutta, che porta più gusto al prodotto e più vitamine (derivati dalla frutta).

Lo yogurt è gustoso ed ottimo per la flora intestinale, per il suo contenuto di “probiotici”. Ma che cosa sono i probiotici?. Sono batteri vivi non patologici, che possono essere ingeriti senza causare danni, ma portano solo benefici al buon funzionamento del nostro intestino.

Benefici per la salute:

Il consumo di yogurt produce un cambio nell’ecosistema batteriologico del nostro intestino, perchè diminuisce la quantità di batteri negativi per il buon funzionamento dell’intestino e incrementa la flora intestinale positiva. Per questo motivo si utilizzano gli yogurt nei casi di diarrea, per risolvere un problema di stitichezza, per problemi di malattie infiammatorie intestinali e per prevenire il cancro al colon.

Il consumo di 90 gr. di yogurt, due volte al giorno, durante 6 settimane di continuo, produce una diminuzione del solfuro di idrogeno che causa alitosi e cancro al colon.

Molti studi scientifici hanno dimostrato che il consumo di yogurt produce un aumento nelle difese dell’ organismo contro batteri, virus e funghi. Specialmente in bambini e anziani, lo yogurt produce una fortificazione per il sistema immunitario.

È certamente un alimento molto utile per i bambini sotto i 5 anni che soffrono spesso di diarrea causata da rotavirus (una gastroenterite molto diffusa). E per tutte le persone che soffrono di diarrea da post-terapia antibiotica.

Ma lo yogurt inoltre:

·         Migliora la digestione

·         Favorisce lo svuotamento gastrico

·         Apporta un importante contenuto di calcio

·         Non produce allergie

·         Non produce intolleranze

·         Può essere utilizzato a qualsiasi età, condizione fisiologica e in qualsiasi periodo dell’anno.

·         È tollerato meglio del latte e del formaggio.

·         Aiuta a diminuire i livelli di colesterolo e trigliceridi nel sangue

·         Aiuta contro i problemi di stitichezza.

·         Previene il cancro di colon, mammelle, e il cancro rettale.

·         Migliora la salute degli anoressici.

·         Apporta un gran quantità di proteine.

·         E’ ideale per le merendine dei bambini e per le diete, visto che, soprattutto se scremato, apporta poche calorie.

·         Previene le gastroenteriti

 Sapevate che …. ?

·         Una tazza da 250 ml di yogurt apporta 400 mg di calcio, mentre un bicchiere di 250 ml di latte apporta solo 300 mg di calcio?

·         Una tazza da 250 ml di yogurt ha la stessa quantità di proteine di una banana, e la stessa quantità di proteine di 30 gr. di carne di pollo o tacchino?

 

Dott. Carlo Cottone, Manager GALENOsalute e medico specialista in Medicina Interna


da gennaio 2011 ci trovi su HarDoctor News, il Blog

da gennaio 2011!

Il Meteo a Marsala!

Il Meteo

Bookmark & Share

Condividi con ...

Farmaci a prezzi imbattibili!

Farmacia On Line
Annunci

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: